La Commedia Divina

Quando l'arte e l'inclusione si fondono, l'inaspettato diventa realtà.
Questa è la magia avvenuta al Teatro Trianov Viviani di Forcella il 23 e il 24 settembre. Il sipario si è aperto e su quel palco,per la prima volta a Napoli, sono entrati in scena gli attori e le attrici del Teatro Patologico con lo spettacolo “La Commedia Divina”, diretto dal fondatore dell’Associazione,il pluripremiato regista e attore, Dario D’Ambrosi.

Sfidando il pregiudizio, la disabilità psichica e fisica che accompagna le vite degli attori e delle attrici, la Compagnia stabile del Teatro Patologico ha raccontato il confine labile tra normalità e follia, l’inferno della solitudine e dell’emarginazione e il paradiso di una comunità accogliente popolata da persone che non si girano dall’altra parte.

Un viaggio struggente ed emozionante, quello rappresentato in prima mondiale, che ha ripercorso i gironi danteschi dell’oblio umano e degli aspetti più reconditi della nostra società. Nell’Inferno, personaggi ostici, incomprensibili e cervellotici, proprio perché lasciati vegetare nel profondo, hanno reclamato il loro diritto a raccontare, a spiegare e – almeno sul palcoscenico – a tornar vivi nelle coscienze dei presenti con una nuova lente d’analisi e di riflessione. Il senso profondo della speranza ha riacceso le anime dei personaggi nel Purgatorio, sovverchiando quel senso di rifiuto,solitudine e abbandono generati dal peso dell’emarginazione e della discrimizione, sentimenti che solo nel cielo stellato del Paradiso hanno lasciato spazio alla comprensione e all’accettazione.

Accompagnati dalle musiche del Maestro Francesco Santalucia, i ventidue attorie e attrici del Teatro Patologico hanno espresso ogni sfumatura di quelle paure, di quei drammi e di quelle angoscie che albergano nella vita di coloro che ogni giorno vengono lasciati soli, incantando e commuovendo un teatro gremito di persone.

Protagonisti di qualcosa di più che di una semplice rappresentazione teatrale, questi incredibili ragazzi si sono fatti portatori e portatrici di un potente messaggio: l’arte non conosce limiti, attraversa le barriere dell’indifferenza e del silenzio,unisce mondi apparentemente distanti, creando ponti e connessioni tra gli individui.

Similar Posts

Lorem ipsum dolor sit amet
Lorem ipsum dolor sit amet

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliq

Ricerca Linguistica
Ricerca Linguistica

Tre sono le direttrici di ricerca linguistica principali: studio della lingua ebraica, studio della lingua somala e svil

Coesione Sociale
Coesione Sociale

Progetto "Rete territoriale di Napoli: costruire insieme il futuro sostenibile del territorio"; Unità di Ricerca di Str